www . madeinwildlands . com - L'artigianato proveniente dalle terre più selvagge del  Pianeta
Informazioni sui prodotti venduti e sulle legislazioni nazionali e internazionali vigenti sul commercio di prodotti di origine animale
 
Le normative comunitarie di riferimento sono il Commission Regulation (EC) No. 865/2006 emendata in seguito dalla Commission Regulation (EC) No 100/2008 e il Regolamento (EC) n. 407/2009

Quest' ultimo, del 14/05/2009, comprende quattro allegati (A, B, C, D):

  • Allegato A: comprende le specie che figurano nella Appendice I della Cites e alcune altre specie di Appendice II inserite secondo diversi criteri (rarità, pressione commerciale di utilizzo, somiglianza con specie dell'Appendice I, presenza allo stato selvatico sul territorio comunitario);
  • Allegato B: comprende sostanzialmente le specie che figurano nell'Appendice II della Cites (salvo quelle incluse nell'Allegato A), le specie dell'Appendice I per le quali è stata avanzata una riserva, altre specie inserite secondo diversi criteri, quali volume di scambio internazionale che potrebbe essere incompatibile con la sopravvivenza della specie o di alcune popolazioni, o - di estrema importanza dal punto di vista ecologico - le specie per le quali si è stabilito che l'introduzione di esemplari vivi nell'ambiente naturale della Comunità possa costituire un pericolo ecologico per le analoghe specie indigene
  • Allegato C: comprende le specie della Appendice III della Cites, diverse da quelle degli Allegati A e B, specie della Appendice II della Convenzione per le quali è stata avanzata una riserva;
  • Allegato D: comprende alcune specieper il volume di importazioni comunitarie giustifica un controllo e specie della Appendice III della Convenzione per le quali è stata avanzata una riserva. La creazione di tale allegato D è di estrema importanza perchè elencando specie non-Cites, per le quali devono essere controllati i livelli di importazione, costituisce un importante contributo per il principio cautelativo di tutela delle specie.


Per approfondimenti si rimanda alla consultazione integrale della guida CITES,  in cui sarà possibile verificare l'assenza delle specie animali, (da cui sono derivati gli oggetti presenti sul sito), tra quelle considerate a rischio. Si ricorda che la guida CITES è il massimo riferimento in tema di salvaguardia delle specie anumali a livello mondiali ed è la base su cui si fondano le leggi comunitarie in matera. Si articola in
tre appendici (I, II, III), che comprendono tutte le specie animali considerate a rischio e il cui commercio (diretto o di prodotti derivati o lavorati) è limitato o vietato a seconda delle vulnerabilità specie sulla base del controllo dell'habitat e del numero di esemplari rimasti.

La maggior parte degli oggetti presenti nel sito, proviene da animali non selvatici ma di allevamento (es. renne) e proprio per la loro natura non selvatica, non ne vincola il commercio a regolamenti comunitari o internazionali di tutela. Gli altri non derivanti da animali da allevamento, appartengono a specie non sottoposte a nessun vincolo di protezione, non essendo classificate tra quelle a rischio di estinzione.

I denti di squalo utilizzati in alcuni oggetti, appartengono, date le piccole dimensioni, a specie di squaliformi non tutelate, e quindi liberamente pescabili e che rappresentano una fonte primaria di sussistenza per le popolazioni locali.

Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint