www . madeinwildlands . com - L'artigianato proveniente dalle terre più selvagge del  Pianeta



Informazioni e curiosità sulla magica Lapponia

La Lapponia (Lapland in lingua inglese o Sápmi in lingua sami) è situata nell'Europa del Nord ed è la regione geografico-culturale abitata dalla popolazione Sami, erroneamenti conosciuti anche come Lapponi, distribuita nelle regioni settentrionali di Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia (nella penisola di Kola).





Si tratta di una regione vastissima di circa 388.350 km quadrati quasi completamente disabitata. Infatti gli abitanti, suddivisi nei quattro Stati, non raggiungono neanche i due milioni e mezzo di individui e la comunità Sami conta circa 70.000 persone.
Se si considera che la superficie di quest'area coincide con quella formata da Italia e Portogallo, che insieme contano poco meno di 75 milioni di abitanti, ci si rende conto di quanto selvaggio sia quel territorio, privo di qualsiasi elemento riconducibile all'attività umana e per questo luogo estremamente affascianante e suggestivo.












Paesaggi tipicamente invernali della Lapponia


Chi, come noi, ha avuto la fortuna e possibilità di recarsi più volte in Lapponia, sia per lavoro che per turismo, avrà ancora negli occhi il paesaggio mozzafiato con le immense foreste di latifoglie, che si estendono all'infinito con la loro tipica fauna - in particolare renne, alci, cervi, orsi, lupi, ghiottoni, linci, volpi artiche, rapaci - e la presenza di migliaia di laghi, fiumi e torrenti, abitati da innumerevoli specie ittiche come trote fario, salmoni e trote di mare, temoli, lucci e salmerini artici.












  
                  Pesca nel ghiaccio                                     Trote appena catturate

Le rigidissime temperature invernali, le cui minime oscillano tra -30° e -50°,
ghiacciano, a partire da ottobre/novembre, qualsiasi corso d'acqua, compresi alcuni laghi di enormi dimensioni (ad es. Inari nella Lapponia Finlandese) su cui è molto diffusa la pesca nel ghiaccio, e ricoprono tutto di uno spesso strato di neve che scompare completamente solo intorno alla metà di maggio. Lo strato del ghiaccio è talmente spesso, che molti fiumi e laghi nella stagione invernale diventano vere e proprie strade su cui circolano auto, camion e le diffusissime motoslitte.

 













A quelle temperature estreme, ben poche specie animali d'allevamento possono resistere, tranne una, la regina di quei boschi e pianure: la renna. Questo animale, appartenente alla categoria dei cervidi, trova il proprio habitat ideale a quelle latitudini e temperature.
Fin dall'antichità il popolo Sami ha trovato in questo mammifero una importante fonte di sostentamento,sia per l'alimentazione sia per la realizzazione di utensili attraverso l'impiego delle corna, sia per vestiti o "coperte" con le folte e calde pellicce e anche per la realizzazione delle famose tende tepee, una piccola costruzione di legno piramidale, simile alle tende dei nativi americani, con rivestimento di cuoio.





Tepee aperto in legno con il tipico spazio per il fuoco al centro e le pelli di renna sulle panche













Maniglie fatte con una coppia di corna di renna






 






Enorme palco di renna attaccato su una casa








Un tempo il popolo Sami era completamente nomade, poichè seguiva gli spostamenti stagionali delle enormi mandrie di renne e questo aspetto lega molto la tradizione sami con quella degli Indiani d'America, anch'essi nomadi al seguito delle mandrie di bisonti nella regione delle Grandi Pianure dell'Ovest americano. Oggi quel nomadismo è stato soppiantato da allevamenti di renne da piccole dimensioni (a conduzione familiare) a medio-grandi, in conseguenza sia dell' evoluzione socio-culturale dei Sami, e dall'altro della maggiore domanda di prodotti alimentari legati alla renna. Da alcuni di questi selezionati allevamenti importiamo le pelli e le corna che sono in vendita nel sito.
Le renne perdono annualmente i palchi (le corna), alla fine della primavera, che ricrescono subito dopo l'estate, per cui l'utilizzo delle stesse è un processo del tutto naturale che non comporta stress o danni per gli animali.

                     
oggetti lavorati a mano realizzati con autentiche corna di renna


Piccolo allevamento di renne (Sodankyla, Finlandia)



Mandria di renne selvatiche


Seppur splendido anche nel periodo estivo con le mille tonalità di verde dei boschi e dei prati, e quelle del blu, di laghi e fiumi, il paesaggio lappone invernale è qualcosa di incredibile, con la sua magìa creata dai bagliori giallo-verdi dell'Aurora Boreale, dalle enormi distese di alberi innevati, dalle case costruite interamente in legno e isolate nei boschi, dal'atmosfera natilizia che si avverte ovunque e ben prima di quanto accade alle nostre latitudini.
A tal proposito c'è da segnalare che nella Lapponia Finlandese, e precisamente nei pressi della cittadina di Rovaniemi, capitale di tale regione, vi è  il famoso "Santa Clause Village" - il Villaggio di Babbo Natale - visitatissimo da turisti e non, di ogni età. Sito in questo villaggio vi è anche il piccolo ristorante/coffee bar "Santassalmon", all'interno di un classico tepee, gestito dal nostro amico Konsta, dove si può mangiare il vero salmone selvaggio (non d'allevamento) cotto secondo la tradizione lappone e servito con piatti e posate realizzati interamente con legno di betulla. Un'altra curiosità del Villaggio di Babbo Natale è dovuta alla sua posizione, esattamente nel punto dove passa il parellelo del Cicolo Polare Artico ("Napapiiri" in finlandese).













                            Santa Claus Village (Napapiiri, Finlandia)


Cartello indicante l'attraversamento del Circolo Polare Artico
presso il Santa Claus Village  (Napapiiri, Finlandia)









Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint